3 Ottobre 2019

MioWelfare, la piattaforma per il welfare digitale

MioWelfare è un’azienda innovativa del Gruppo mashfrog, ideata per semplificare la gestione del welfare. Ne parliamo con uno dei Co-Founder, Fabio Dellutri. 

Entrata a far parte del Gruppo mashfrog nel 2018, MioWelfare è una azienda agile e innovativa costituita da un team di 10 persone e co-fondata nel 2014 da Angelo Raffaele Marmo, giornalista ed esperto di welfare, Edoardo Narduzzi, Presidente di mashfrog Group e Fabio Dellutri, oggi Consigliere Delegato.

Welfare, un mercato in crescita

Semplificare la gestione del welfare è un’esigenza con la quale imprese, cittadini e professionisti si confrontano da tempo. Lacune informative, lentezze burocratiche e procedure spesso complesse e farraginose costituiscono un disagio sempre meno tollerabile nell’era della digitalizzazione, soprattutto quando limitano l’accesso e la fruizione di servizi fondamentali – e che spettano di diritto al cittadino - come la previdenza sociale, la sanità e l’educazione.
Innovare l’intero sistema del welfare, quindi, non poteva non essere una priorità dell’agenda digitale italiana. Come per altri settori nei quali l’innovazione digitale era tanto importante quanto complessa, la chiave di svolta è stato il modello dell’open innovation: l’incontro, in alcuni casi davvero virtuoso, di istituzioni e privati con l’ecosistema startup, con nuove tecnologie e con una vision orientata all’ottimizzazione, alla semplificazione e alla completa accessibilità dei servizi per il cittadino. Le startup hanno individuato nel sistema welfare e nel welfare aziendale un mercato con elevato potenziale, creando modelli di business tanto scalabili quanto sostenibili. MioWelfare si inserisce proprio in questo trend. Il Co-founder Fabio Dellutri ci racconta la sua storia.

Come nasce l'idea di MioWelfare

L’idea di investire nella digitalizzazione del welfare, quello di base e quello integrativo, nasce dalla consapevolezza di un gap informazionale diffuso e dall’esigenza di fornire uno strumento utile a districarsi nel complesso mondo della previdenza sociale pubblica e privata.

Cosa ci aspetta quando andremo in pensione? Quali soluzioni esistono per colmare il cosiddetto “gap previdenziale”? Quali sono i servizi sanitari di cui posso usufruire nell’ambito del Servizio sanitario nazionale? E quali quelli che posso ottenere se aderisco a un fondo integrativo? Che tipo di corso di formazione posso seguire tra quelli organizzati dai fondi interprofessionali? 

MioWelfare è la piattaforma digitale che cerca di rispondere a queste domande, consentendo a ciascuno di creare un pacchetto welfare personalizzato. La piattaforma offre 3 servizi base:
-    Produce una Scheda del Welfare personalizzata con tutte le opzioni del quadro generale del welfare: pilastro pubblico, pilastro privato, previdenza, sanità, formazione. Su ogni scheda c’è un approfondimento su tutti i relativi servizi previdenziali di riferimento a seconda della tipologia di contratto. 
-    Effettua il calcolo della pensione.
-    Compara fondi pubblici e privati e mostra all’utente le soluzioni possibili in base a quanto si è disposti a versare. 

Che cos'è il welfare aziendale

Introdotto con la Legge di stabilità 2016, il “welfare aziendale” così come lo intendiamo oggi è una modalità di supporto del dipendente erogata dall’azienda tramite benefit (voucher per servizi e prodotti, rimborsi spese, etc.) e relativa ad ambiti che vanno dalla sanità alla formazione, dal tempo libero alla previdenza. I welfare benefit sono defiscalizzati e decontribuiti sia per il lavoratore che per l’azienda, per entrare a sistema però richiedono una struttura gestionale e un’infrastruttura tecnologica delle quali molte aziende sono ancora sprovviste. La scelta più diffusa è affidarsi a provider esterni dotati della tecnologia e del network di merchant per attivare convenzioni. MioWelfare ha pensato di creare una soluzione tecnologica per gestire i processi del welfare aziendale e ha creato MioBenefit. 

Come funziona MioBenefit?

MioBenefit è una piattaforma cloud “white label”, vale a dire una soluzione chiavi in mano erogata in modalità Saas che le aziende e i provider di welfare possono integrare e utilizzare per la gestione di tutta la filiera di erogazione e utilizzo dei welfare benefit. 
Dal punto di vista dell’utente finale MioBenefit si presenta come un vero e proprio marketplace, un catalogo di prodotti e servizi che spaziano dalla previdenza al tempo libero, dalla formazione professionale alla salute. Sulla piattaforma il lavoratore che ha aderito dispone di un credito, quello previsto dal Piano di Welfare dell’azienda, e può spenderlo in voucher per l’acquisto di prodotti e servizi, in rimborsi spese, o come versamenti integrativi alla cassa previdenziale.

Qual è il vantaggio per le aziende?

MioBenefit è una tecnologia abilitante “chiavi in mano” che rende le aziende autonome nell’organizzazione di ogni aspetto del welfare aziendale. Una soluzione innovativa che internalizza la gestione dell’intero sistema e crea le competenze e l’expertise necessarie alla manutenzione. Una volta integrata l’infrastruttura tecnologica, l’azienda può inoltre monitorare la fruizione da parte dell’utente finale, valutarne soddisfazione e preferenze ed efficientare costantemente l’erogazione del servizio.

Scegliere MioBenefit, significa scommettere sull’open innovation per facilitare l’accesso dei dipendenti ai benefit previsti dal Piano di Welfare aziendale, semplificando ed efficientando al tempo stesso i processi interni di gestione”, commenta Fabio Dellutri.
Quello proposto da MioWelfare con il Saas MioBenefit è un modello di business B2B basato su licensing mensile. Il valore del licensing dipende dal numero di utenti finali che utilizzano il servizio.   
Il prodotto MioBenefit è sul mercato da maggio 2017, alla sua realizzazione ha lavorato il team di MioWelfare, una squadra di circa 10 professionisti che si occupano continuamente di ricerca e sviluppo, design e redazione di news e approfondimenti sui principali temi del welfare.

Quali saranno gli sviluppi nei prossimi anni?

Secondo il rapporto “Welfare for People” pubblicato a marzo 2019 da ADAPT e UBI Banca (), il numero di aziende che hanno scelto di “welfarizzare” il premio di produttività è andato aumentando negli ultimi anni con tassi via via crescenti. Se nel 2016 solo il 3% delle aziende avevano attivato un piano welfare, già nel 2017 si è passati al 14%, che ha poi raggiunto il 30% a fine 2018. Questo scenario in futuro potrebbe continuare a crescere ulteriormente se le future Leggi di Bilancio confermeranno e miglioreranno le misure a favore del welfare aziendale. In tal caso assisteremo ad un aumento del fabbisogno di soluzioni tecnologiche sempre più evolute per la gestione del processo, ed in questo contesto Miobenefit si posiziona come soluzione di punta nel mercato delle piattaforme welfare.

La video intervista di Fabio Dellutri